Cucina povera

by manzOni

supported by
/
1.
2.
3.
03:32
4.
5.
6.
03:33
7.
8.
04:41
9.
10:46

about

Compra su garrinchadischi.it

Registrato e mixato da Bruno Germano al Vacuum Studio di Bologna
Masterizzato da Carl Saff (Carl Saff Mastering, Chicago)
Produzione artistica di manzOni e Bruno Germano
Testi di Luigi Tenca
Musiche di Ummer Freguia, Carlo Trevisan, Fiorenzo Fuolega, Emilio Veronese
Progetto grafico a cura di Marcello Petruzzi.

credits

released October 2, 2012

“Cucina povera”: a due anni dall‘esordio che aveva il nome del gruppo, ad uno dall‘ep “L‘astronave” e dopo tanti concerti sorprendenti con un seguito di pubblico crescente. Il gruppo veneto torna con un nuovo lavoro che ne conferma la potenza e alza non di poco il livello del songwriting. E ancora una volta la biografia si fa sangue, e il sangue impasta l‘humus post-rock di marca Constellation di una delle più belle e intense sorprese dell‘indie-rock italiano degli ultimi anni. Luigi Tenca, oggi cinquantanovenne, dice e canta parole che raccontano la sua-propriastoria-universale. Il mestiere di vivere narrato in dettagli carveriani, palpitazioni alla Ciampi, canzoni che diventano sempre più canzoni evitandosi i ritornelli: perché non ritorna niente, tutto avviene, segna, un giorno dopo l‘altro, con quel cognome che non sai se è una beffa o un sigillo venuto male, di uno venuto a patti con la musica quel tanto che basta per rimanerci dentro, proprio come per la vita.
E poi chi la musica la fa: Fiorenzo Fuolega, Carlo Trevisan, Emilio Veronese, Ummer
Freguia, tutti trentenni al seguito di quella fiamma d‘uomo che brucia.
Quattro chitarre, quattro cavalli lanciati nella pianura e nei falsopiani delle parole di Luigi, due che diventano colpi di batteria e flussi di loop. Tensioni che s‘intrecciano, nervosismi e landscapes sonici, crescendo che sanno di artigianato e fatica. Il post-rock è la nostra musica popolare, arroventa l‘unica utopia rimasta, quella di muscoli cardiaci che urlano liberi il loro intenso senso di esistere.
Di questo i manzOni sono portatori, vittime, alfieri. Di questo “Cucina povera” è un canto costolare e ieratico. Una confidenza che esplode nel cosmo. Un colpo inferto all‘abuso del nulla. Un qualcosa che allarga lo spettro d‘emozioni di chi ascolta e ricorda che, sì, c‘è ancora una possibilità, almeno una. Almeno per ciò che raccorda il sangue e le stelle.

tags

license

all rights reserved

feeds

feeds for this album, this artist

about

Garrincha Dischi Bologna, Italy

Garrincha Dischi è un'etichetta che lavora per mantenere viva la centralità dell’autore e le sue scelte. Dischi, CD e formati digitali, tutto fatto con amore.
Garrincha Dischi oggi è: 33 ORE, 4FIORIPERZOE, CHEWINGUM, LE-LI, THE WALRUS, MANZONI, LO STATO SOCIALE, NEL DUBBIO, L'ORSO, LA RAPPRESNTANTE DI LISTA, JOCELYN PULSAR...
... more

contact / help

Contact Garrincha Dischi

Streaming and
Download help

Redeem code