L'astronave EP

by manzOni

/
1.
2.
3.
4.
06:02
5.
03:17
6.
06:29
7.

about

Compra la tua copia del cd sul nostro sito www.garrinchadischi.it

L’astonave EP raccoglie tutto ciò che è rimasto escluso dall’omonimo disco d’esordio della band e due brani che non saranno inclusi nel secondo album, la cui uscita è prevista per la primavera 2012. Oltre alla title track, secondo singolo estratto dal disco d’esordio, manzOni (Garrincha Dischi 2011), L’Astronave EP raccoglie alcuni brani scritti nei primi periodi di attività del gruppo (Maria, Ray Moon, Anna; i primi due risalenti alla primissima formazione a tre, Tenca/Trevisa/Fuolega), e altri pezzi di recente composizione, come Fuori stagione e A lei, di lei. Maria, Ray Moon e Anna sono già uscite in rete, a vario titolo (vedasi tracklist). Se L’astronave, con le sue atmosfere Arab Strap e il suo finale sonico, appresenta uno sguardo lucido sui tempi bui in cui vive la “classe operaia che non va in paradiso”, altri brani, come la marziale Maria la velvetiana Anna (concepiti originariamente come i primi tasselli di un progetto di album tutto incentrato sull’autobus e sul pendolarismo), si soffermano sulle storie e sui pensieri di due donne del popolo, un’anatomopatologa e un’impiegata malata di Alzheimer. Ray Moon è uno scorcio di un Natale passato nella malinconia e nel ricordo di un amore perduto, adagiato su di un tappeto di chitarre ambient. A quest’ultima fa da contraltare l’amore compiuto, addirittura felice, di A lei, di lei, i cui ultimi versi (“come si fa a parlarle d’amore quaggiù dove anche le biciclette vanno a motore”), assieme alla deflagrazione finale noise/percussiva, richiamano però l’inquietudine della chitarra in reverse di Fuori stagione, dove a dominare la scena è il conflitto tra finzione e autenticità, nella vita come nei sentimenti. I ManzOni propongono un emozionante repertorio che unisce il migliore post-rock ad un visceral cantato in italiano vicino a Piero Ciampi. Con un primo album acclamato dalla critica e concerti che lasciano tutti a bocca aperta, i ManzOni sono stati acclamati in tutto il 2011. La band nasce a Chioggia (Venezia) dalla convergenza di cinque esistenze e dalle sliding doors che il presente mette davanti alle
decisioni. Carlo Trevisan, Fiorenzo Fuolega, Ummer Freguia ed Emilio Veronese si dividono a turno tra chitarre e batteria per creare un impasto di abrasioni soniche e post rock mogwaiano su cui si incastonano i testi spiazzanti dell’allora 47enne Tenca. ManzOni è il nome scelto per rappresentarsi, in prima battuta
dall’ammirazione e dallo stupore per l’opera dell’artista Piero, ma con la porta aperta a recare ulteriori significati.

credits

released November 11, 2011

01 tratta dall'omonimo album d'esordio (garr008, febbraio 2011), 02+03 inedite registrate da Matteo Romagnoli presso il Donkey Sudio di Medicina (Bo) in ottobre 2011, 04 uscita nella compilation “Addosso!” (Ribéss Records/ANPI), aprile 2011, 05 presente nel pdf interattivo “Dance like già sai” #2, febbraio 2011 (Dance like Shaquille o’Neill blog). 06 uscita nella compilation natalizia di Shyrec, dicembre 2010, 07 registrata in presa diretta nel febbraio 2011 durante il soundcheck di un live

tags

license

all rights reserved

about

Garrincha Dischi Bologna, Italy

Garrincha Dischi è un'etichetta che lavora per mantenere viva la centralità dell’autore e le sue scelte. Dischi, CD e formati digitali, tutto fatto con amore.
Garrincha Dischi oggi è: 33 ORE, 4FIORIPERZOE, CHEWINGUM, LE-LI, THE WALRUS, MANZONI, LO STATO SOCIALE, NEL DUBBIO, L'ORSO, LA RAPPRESNTANTE DI LISTA, JOCELYN PULSAR...
... more

contact / help

Contact Garrincha Dischi

Streaming and
Download help

Redeem code

Track Name: L'astronave (Studio version)
Dove saremo noi quando cadrà la luna?
Non avremo di certo un posto sull’astronave accanto al re.
Là ci sarà solo gente importante, e noi?
Cosa faremo noi quando cadrà la luna?


Lavoreremo come sempre,
tutti presenti nessuno in ferie
e per l’ennesima volta, l’ultima,
si accetterà la sorte

Non una bestemmia contro un Dio inesistente.
Non un vaffanculo alla morte.
Non una delle nostre lacrime,
consumate in altre occasioni inutilmente.


Lavoreremo come sempre,
tutti presenti nessuno in ferie
e per l’ennesima volta, l’ultima,
si accetterà la sorte
Track Name: Fuori stagione
..FUORI STAGIONE..

lo so..lo so..lo so..le ciliegie cominciano a comparire al mercato a maggio
e rimangono sui banchi..in piccole cassette..fino a luglio!
..e poi spariscono..quando l’estate è più corta e rimane solo agosto prima della nebbia in spiaggia!

lo so..che non serviva quel rosso a carnevale!
di rosso c’era già la tua bocca!..ma non l’ho vista!
l’ho confusa tra bottiglie di birra e vetri di murano fatti in cina
in una città FINTA..che ruba acqua alla laguna..

e chissà da dove arrivano?!..
e chissà quanto costano?!
e proprio ciliegie argentine?!
Era solo per sorprenderti..per farti sorridere..tra quelle maschere bianche tristi senza espressione
Non volevo una guerra tra i tuoi punti di domanda e i miei puntini di sospensione!!!

Eccoti..un po’ di ciliegie in maschera…tonde..rosse...allegre..

ora..ora non ci sei ed è tempo di ciliegie vere
ora..ora che non ci sei..ci sono le ciliegie vere!
Ed io..da lontano di prometto che
Ciliegie in inverno..ciliegie con il freddo
Ciliegie fuori stagione..a carnevale
Non te le regalerò..mai più..
MAI PIU’!!
Track Name: A lei, di lei
A lei..ora so..cosa scrivere
..ora di lei non so..soltanto piangere
Di lei…dei suoi capelli…dei suoi colori
Di fiori sempre nuovi..e dal bucato di sua madre..dei suoi profumi

Lei è menta fresca per la mia testa
Erba appena tagliata per la mia pelle secca

Stare con lei è prigione accettata…le ali non servono perché di più non c’è
Con lei il sole diventa meta normale raggiungibile in ogni week end
E là sopra le nuvole si può parlare
Lassù non piove e non c’è rumore

lassù
lassù


perché..mi dici come si fa a parlarle d’amore quaggiù dove anche le biciclette vanno a motore
perché mi dici come si fa a parlarle d’amore quaggiù dove le biciclette vanno a motore!?
Track Name: Maria
Maria dice che i morti...con gli occhi…parlano più dei vivi
E Maria né ha visti tanti di morti con i suoi occhi

Maria dice che i morti…parlano più dei vivi
..e che lei…con loro...ci scherza…

Maria dice che i morti da lei si fan toccare
…e dice che di lei non han paura

Maria i morti li squarta…li esamina…li vuota li riempie
Poi li ricompone con delicatezza

Maria dice di che cosa sono morti i morti
Chiude i loro occhi e li fa dormire

Maria dice che i morti dormono come i vivi
Chiudono i loro occhi e non parlano...

MARIA scendendo alla fermata più vicina all’ospedale..chiede con il sorriso sulla bocca
…chiede che se fosse lei a morire in estate in riva al mare non le si tolga il costume prima di farla dormire
Track Name: Anna
1) salìva in autobus dopo aver parcheggiato l’auto vicino alla chiesa
2) da anni sedeva dietro l’autista e durante il viaggio non leggeva…sorrideva

3) parlava…del marito morto d’infarto…del figlio laureato…del suo giardino
4) 8 ore d’ufficio pausa pranzo…poi il viaggio di ritorno fino alla cena con dio vicino

…anna e quella sera di maggio…anna impaurita e la 500 che non trova…
…”anna … tranquilla! la tua auto non è stata rubata è come sempre parcheggiata vicino alla chiesa”

5) da mesi non sale in autobus…la sua auto è rimasta dov’era…
6) ora anna è seduta alla finestra…non legge e non sorride più…come sorrideva

7) parla di un uomo morto d’infarto ma non sa quand’è morto…e non sa chi era
8) dell’ufficio è rimasto solo il pranzo…del viaggio di ritorno solo la cena…

...anna e quell’errore cattivo che non cancella solo i momenti tristi del passato
...anna che ora non trova più nemmeno il ricordo di suo figlio laureato
...anna e quell’errore che cancella anche i momenti felici del passato
...anna e quel fiore nero nel cervello che cancella i colori dei fiori nel giardino
Track Name: Ray Moon
1) il tuo ricordo/quello…con un po’ di neve/ed è natale/…anche per uno come me..
2) ho saputo/che ora stai bene…/me l’han detto /…la luna…un rum e nick cave…

buon natale…buon natale…buon natale...

3) al sapore di un bacio/che hai dimenticato/sul tuo spazzolino/quattro mesi fa
4) al tuo profumo/che colora l’appartamento/al tuo ricordo/solo a quello ormai

a quella sabbia/che era solo sabbia che casca quando c’eri/che ora è tempo che passa/e non ritorna

ray moon
ray moon
ray moon
ray moon
Track Name: L'astronave (Live version)
Dove saremo noi quando cadrà la luna?
Non avremo di certo un posto sull’astronave accanto al re.
Là ci sarà solo gente importante, e noi?
Cosa faremo noi quando cadrà la luna?


Lavoreremo come sempre,
tutti presenti nessuno in ferie
e per l’ennesima volta, l’ultima,
si accetterà la sorte

Non una bestemmia contro un Dio inesistente.
Non un vaffanculo alla morte.
Non una delle nostre lacrime,
consumate in altre occasioni inutilmente.


Lavoreremo come sempre,
tutti presenti nessuno in ferie
e per l’ennesima volta, l’ultima,
si accetterà la sorte